L'Angelo di Botero


Autori: Marinella Fiume,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Eliconea
Genere:
Data di pubblicazione: 2005
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 70
ISBN: 978-88-7728-049-7

Acquista Libro - € 10
Abstract 

Nove racconti,  singolari per la varietà di ambientazione storica e geografica, la contaminazione di generi e l’interferire di una pluralità di registri linguistici, accomunati dal motivo  della “patologia”, una dimensione esistenziale che condanna l’uomo essendosi spezzato quel filo salvifico che univa Il principio con la fine (dal titolo del “racconto rotondo” che apre la raccolta). La “malattia” assume ora le forme della surreale “pestilenza” che porta alla decimazione per contagio degli abitanti di un villaggio ai piedi dell’Etna destinato ad inabissarsi; ora della rara sindrome genetica che trasforma nei pingui personaggi del pittore colombiano Fernando Botero i ragazzi che ne sono affetti; ora del cancro che uccise la  poetessa siciliana Mariannina Coffa nel 1878; o della forma depressiva che fece avvertire come devastanti le modificazioni dell’età della menopausa al grande soprano Maria Callas; ora come la patologia sociale del fanatismo religioso, ad opera del Tribunale siculo-spagnolo del Sant’Uffizio, in due racconti che traggono spunto da documenti inediti dell’archivio del tribunale dell’Inquisizione di Madrid, che processa e condanna al rogo una servetta e una  popolana accusate di stregoneria; o come la cancrena sociale della mafia in un paese siciliano; o come la dolorosa difficoltà di sublimare l’eros attraverso inimitabili modelli di santità cristiana, che travaglia suor Deodata Buonarroti.

Ma, sia che si manifesti come cancro del corpo e dell’anima, perversione e fanatismo o dolorosa lacerazione tra l’insopprimibile esigenza dell’io a dispiegarsi in tutta la sua pienezza e la pretesa delle convenzioni sociali, della superstizione e del pregiudizio a mortificarlo e imbrigliarlo in gabbie mortifere, la malattia perde negatività e guadagna “dolcezza”, assurge a condizione esistenziale di privilegio per la chiaroveggenza, l’accumulazione di senso, conquistate sul campo, con l’onore delle armi.

 

Dello stesso genere 
torna indietro