Olinda


Autori: Giuseppe Marinaccio,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Eliconea
Genere:
Data di pubblicazione: 2008
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 176
ISBN: 978-88-7728-175-3

Acquista Libro - € 14
Abstract 

In una giornata calma e serena, quando il cielo è azzurro e il sole splende, Olinda inizia il suo cammino, vagando di qua e di là, avanti e indietro nello spazio e nel tempo, in un mondo dove ognuno va alla ricerca di se stesso e degli altri. Attratta da ogni novità, si immerge in un’avventura dentro e fuori la propria anima, percorrendo strade impervie e inesplorate. La giovane protagonista, senza una meta, passeggiando per le strade della città di Roma, giunge casualmente in un parco; si guarda attorno, si ferma e incomincia a ripercorrere i momenti più significativi della sua storia. Da bambina, forte e ribelle, era determinata nel manifestare la sua volontà e autonomia, opponendosi in tutti i modi a qualsiasi imposizione, amava la libertà e mal tollerava le regole a cui doveva ubbidire. Con il passare degli anni si accende sempre più il contrasto con il suo mondo e allora fugge, senza sapere dove andare. La sua è una ricerca dolorosa, a volte disperata, perché vuole a tutti i costi rispondere ai tanti perché della vita. Convinta ottimista o più semplicemente illusa, si batte in ogni situazione per tendere al meglio, muove mari e monti, e con la forza di  un  mostro antidiluviano, si accanisce per sconfiggere un nemico invisibile. Dolce, gentile e delicata come un fiore che sboccia ai primi raggi del sole, attira a sé l’attenzione di chiunque non resta inerte di fronte alle infinite manifestazioni di un imperscrutabile Dio. Amore per la natura, amore per gli uomini, amore per Dio. La ricerca costante dell’amore genera la vita, quella vita che ancora non c’è. E’ giovane, simpatica e attraente, eppure è sempre sola. Dalla paura passa all’indifferenza e si inoltra in una foresta incantata, la sua mente. Ma la forza di chi fa il bene è sempre superiore a chi opera il male, Olinda ne è convinta, per questo intraprende il suo viaggio nei meandri del mondo sconosciuto dello spirito. Animata da sentimenti positivi, combatte le forze occulte con il fare e l’agire e unendosi in un profondo abbraccio con le persone che incontra sulla sua strada, si illude di essere forte e di poter cambiare il mondo. Risulta evidente la fatica di vivere nello studio, nella famiglia, nel lavoro, nell’amore e per quanto fugge continuamente lontano dallo studio, dalla famiglia, dal lavoro, dall’amore, alla fine il cerchio si chiude e tutta la vita sembra avere un senso.

Dello stesso genere 
torna indietro